ISSN 2039-1676

logo università Bocconi
logo università degli studi di Milano
con la collaborazione scientifica di

ISSN 2039-1676


22 dicembre 2011 |

La giurisprudenza di Strasburgo 2008-2010: il divieto di tortura e trattamenti inumani o degradanti (art. 3 CEDU)

Rassegna delle sentenze e delle decisioni del triennio 2008-2010 della Corte europea dei diritti dell'uomo rilevanti per il diritto penale sostanziale

 
Sommario: 1. Alcune considerazioni introduttive. – 1.1. L’ambito di applicazione dell’art. 3 Cedu. – 1.2. Il criterio della soglia minima di gravità. – 1.3. Le tre categorie di condotte proibite dall’art. 3 Cedu. – 1.4 Lo standard probatorio richiesto dalla Corte e l’inversione dell’onere della prova nel caso in cui il ricorrente fosse in vinculis. – 2. Le violazioni dirette dell’art. 3 Cedu. – 2.1. (Segue) Al momento dell’arresto. – 2.2. (Segue) Nel corso di una perquisizione. – 2.3. (Segue) Durante l’interrogatorio o il periodo di sottoposizione a custodia cautelare in carcere. – 3. Le violazioni procedurali. – 3.1. La diligenza delle indagini. – 3.2. I principi espressi dalla Corte in tema di prescrizione e di amnistia, e più in generale rispetto all’incidenza delle cause di estinzione del reato e della pena. – 3.3. La proporzione tra la pena inflitta e la gravità del reato e l’adeguatezza della somma corrisposta a titolo di risarcimento del danno. – 4. Gli obblighi di repressione penale della tortura e dei trattamenti inumani o degradanti. 5. Gli obblighi di protezione a fronte del pericolo individuato per l’integrità fisica di persone determinate. – 6. Il divieto delle pene inumane e degradanti discendente dall’art. 3 Cedu. 6.1. Le condizioni della detenzione. – 6.1.1. Il sovraffollamento carcerario. – 6.1.2. L’inadeguatezza delle condizioni igieniche. – 6.1.3. Il mancato apprestamento di cure mediche adeguate e tempestive. – 6.1.4. Le altre ipotesi di violazione “oggettiva” dell’art. 3 sotto il profilo delle condizioni della detenzione. – 6.1.5. L’incompatibilità della detenzione con le condizioni di salute del ricorrente. – 6.2. I regimi carcerari speciali ex art. 41-bis ord penit. e cd. E.I.V. – 6.3. L’ergastolo. – 6.4. L’isolamento. – 7. Le decisioni terapeutiche. – 8. Le violazioni indirette dell’art. 3 Cedu. – 8.1. L’espulsione. – 8.2. L’estradizione.

Il documento è pubblicato nel numero unico per il 2011 della Rivista trimestrale di Diritto penale contemporaneo a pag. 221.