ISSN 2039-1676

logo università Bocconi
logo università degli studi di Milano
con la collaborazione scientifica di

ISSN 2039-1676


25 maggio 2018 |

Le 'nuove' misure di congelamento nazionali e il traffico di capitali volti al finanziamento del terrorismo

Le liste degli interdetti, ultima frontiera di una prevenzione di cui vanno minimizzati i costi

Contributo pubblicato nella Rivista Trimestrale 1/2018

Abstract. Sulla falsariga del blacklisting sovranazionale, il legislatore italiano ha introdotto con D. Lgs. n. 90/2017 le misure di congelamento nazionali, votate alla prevenzione e contrasto del finanziamento del terrorismo. Si affaccia sulla scena nazionale un nuovo strumento di controllo dei flussi di capitali che – realmente o virtualmente – attraversano il Mediterraneo per sostenere l’azione dell’ISIL o di altre organizzazioni terroristiche. Il contributo muove dall’analisi della nuova norma e, inquadrata la novella nell’ambito delle misure di prevenzione a carattere interdittivo, si interroga sulla sua compatibilità con i principi che ne governano il funzionamento, evidenziandone le criticità: da un lato, il deficit di giurisdizionalizzazione, dall’altro, le incertezze legate al giudizio di pericolosità. Il vuoto di tutela che grava sul soggetto listato spinge a domandarsi se la misura sia espressione di un adeguato e legittimo bilanciamento tra security e liberty.

 

SOMMARIO: 1. L’introduzione di un ‘nuovo’ strumento nazionale, smart e ‘ad alta velocità’, per contrastare la circolazione dei capitali che finanziano il terrorismo. - 2. Struttura e funzionamento: competenza, presupposti e tutele azionabili (ma davvero effettive?) - 3. Inquadramento sistematico: una nuova misura di prevenzione interdittiva. - 4. Delineare la misura per differentiam: le figure affini. - 5. Prima e oltre la natura sostanzialmente penale: la compatibilità con i principi in tema di prevenzione. - 6. Il deficit di giurisdizionalizzazione. - 7. Il giudizio di pericolosità: standard probatorio incerto, (im)precisione della fattispecie, mancanza della fase prognostica. - 8. L’interdittiva, ultima frontiera di una prevenzione di cui vanno minimizzati i costi.