ISSN 2039-1676

logo università Bocconi
logo università degli studi di Milano
con la collaborazione scientifica di


22 dicembre 2017 |

La sentenza europea c.d. Taricco-bis: risolti i problemi per il passato, rimangono aperti i problemi per il futuro

Contributo pubblicato nel Fascicolo 12/2017

Il presente contributo è stato sottoposto in forma anonima, con esito favorevole, alla valutazione di un revisore esperto.

Il presente contributo costituisce il testo, rielaborato e corredato da note, della relazione svolta dall’Autore alla Scuola Superiore della Magistratura lo scorso 15 dicembre 2017.​

 

SOMMARIO: 1. Raffronto tra le due sentenze della Corte di Giustizia. – 2. Il principio di legalità nel diritto europeo e nel diritto italiano. – 3. Gli effetti immediati della sentenza Taricco-bis: a) operatività del principio di irretroattività: inapplicabilità della (prima) sentenza Taricco ai reati commessi entro l’8 settembre 2015; b) operatività del principio di determinatezza: inapplicabilità del paragrafo 1 dell’art. 325 TFUE, applicabilità del paragrafo 2 stesso articolo (ai reati commessi dopo l’8 settembre 2015). – 4. L’intervento del legislatore nazionale ritenuto necessario dalla Corte di Giustizia ed il recepimento della direttiva U.E. del 5 luglio 2017. – 5. Il dialogo tra le Corti esiste ed è efficace.