ISSN 2039-1676

logo università Bocconi
logo università degli studi di Milano
con la collaborazione scientifica di

ISSN 2039-1676


29 novembre 2017 |

Per il Tribunale di Roma "mafia capitale" non è mafia: ovvero, della controversa applicabilità dell’art. 416-bis c.p. ad associazioni criminali diverse dalle mafie "storiche"

Trib. Roma, sent. 20 luglio 2017 (dep. 16 ottobre 2017), n. 11730, Pres. Est. Ianniello, Giud. Est. Orfanelli e Arcieri

Contributo pubblicato nel Fascicolo 11/2017

Per leggere il testo della sentenza in commento, clicca qui.

 

1. Il 16 ottobre 2017 il Tribunale di Roma ha depositato le corpose motivazioni (oltre tremila pagine) della sentenza relativa al processo conosciuto sotto il nome di “Mafia Capitale”, all’esito del quale i giudici romani, sebbene abbiano accolto in maniera sostanzialmente integrale l’impostazione accusatoria proposta dai pubblici ministeri, hanno tuttavia ritenuto di escludere il carattere della mafiosità con riferimento alle associazioni criminali organizzate e guidate da Massimo Carminati e da Salvatore Buzzi.

Il profilo giuridico maggiormente controverso del processo, e che ha contribuito ad amplificare la già notevole eco mediatica delle vicende in esame, è rappresentato proprio dall’applicabilità del reato di associazione di tipo mafioso di cui all’art. 416-bis c.p. anche ad un gruppo criminale per così dire “non tradizionale”, ossia non appartenente, o comunque non riconducibile, ad una delle organizzazioni mafiose “storiche”.

 

Per proseguire nella lettura del contributo, clicca in alto su "visualizza allegato".