ISSN 2039-1676

logo università degli studi di Milano


15 novembre 2017 |

Libertà di informazione e processo penale nella giurisprudenza della Corte costituzionale e della Corte Edu: problemi e prospettive

Contributo pubblicato nella Rivista Trimestrale 3/2017

Abstract. Il rapporto tra libertà di informazione e buon andamento della giustizia, con particolare riferimento al processo penale, costituisce una tematica di grande attualità alla luce delle ricorrenti polemiche connesse ai fenomeni degenerativi del c.d. “processo mediatico”. Nel prisma del diritto costituzionale, nella consapevolezza della difficoltà di ricostruire una «carta dei rapporti giustizia-media», emerge la necessità di un’opera di bilanciamento, resa ardua per la pluralità dei principi e dei valori coinvolti. In questo senso, l’analisi della giurisprudenza della Corte costituzionale e della Corte europea dei diritti dell’uomo risulta fondamentale, anche in una prospettiva di possibili innovazioni legislative. Infatti, una recente direttiva dell’Unione europea (2016/343/UE) che dovrà essere attuata entro il 1 giugno 2018, “recependo” indicazioni provenienti dalla giurisprudenza EDU, sembra ormai attestare un’interpretazione estensiva della presunzione di innocenza, da garanzia destinata ad operare non soltanto sul piano processuale a diritto della personalità, ovvero diritto a non essere presentato come colpevole prima che la responsabilità sia stata legalmente accertata.

 

SOMMARIO: 1. Premessa. – 2. Le limitazioni alla libertà di manifestazione del pensiero nella giurisprudenza costituzionale (cenni). – 3. La pubblicazione di atti di dibattimento tenuto a porte chiuse. – 4. Il divieto di pubblicazione di determinati atti processuali: dal segreto istruttorio dell’art. 164, n. 1 c.p.p. del 1930 all’attuale segreto difensivo di cui all’art. 114 c.p.p. – 5. Libertà di informazione e processo penale nell’ordinamento eurounitario. – 6. Libertà di informazione e processo penale nella giurisprudenza convenzionale: la rilevanza della tutela assicurata dall’art. 8 CEDU. – 6.1. Segue: il diritto di cronaca nella giurisprudenza Edu. – 7. Considerazioni conclusive: i non pochi nodi ancora aperti.