ISSN 2039-1676


ISSN 2039-1676


4 luglio 2017 |

L’Unione Europea compie un nuovo passo nel cammino della lotta al terrorismo: una prima lettura della direttiva 2017/541

Direttiva 2017/541/UE sulla lotta contro il terrorismo, che sostituisce la decisione quadro 2002/475/GAI del Consiglio e che modifica la decisione 2005/671/GAI del Consiglio

Contributo pubblicato nel Fascicolo 7-8/2017

Il presente contributo è stato sottoposto in forma anonima, con esito favorevole, alla valutazione di un revisore esperto.

 

Per leggere il testo della direttiva commentata, clicca qui.

 

Abstract. L’adozione della direttiva in commento rappresenta il nuovo passo compiuto dal legislatore europeo nell’ottica del contrasto al terrorismo internazionale, con il duplice obiettivo di colmare le lacune di tutela esistenti e migliorare il quadro giuridico eurounitario. Tale provvedimento sollecita gli interpreti ad interrogarsi sullo stato dell’arte della normativa italiana al cospetto dei nuovi obblighi di incriminazione; più in radice, però, invita a riflettere circa la compatibilità di tale complesso di norme – sempre più foriero di un’anticipazione della tutela penale – con i principi di garanzia propri del diritto penale e, in fin dei conti, con quei diritti umani su cui si fonda l’Unione europea stessa.

 

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive. – 2. I “vecchi” obblighi di incriminazione riproposti dalla direttiva. – 3. I “nuovi” obblighi di incriminazione introdotti dalla direttiva. – 4. Le indicazioni relative al trattamento sanzionatorio. – 5. La responsabilità delle persone giuridiche. – 6. Le indicazioni di massima sul versante processuale. – 6.1. (segue) La cooperazione giudiziaria – 7. I diritti delle vittime del terrorismo: il focus della direttiva sulle misure di protezione, sostegno e assistenza. – 8. E noi, a che punto siamo? Lo stato dell’arte della normativa italiana al cospetto degli obblighi di incriminazione eurounitari. – 8.1. (segue) In particolare, il reclutamento e l’addestramento a fini terroristici. – 8.2. (segue) I potenziali obblighi di adeguamento del legislatore italiano: rilevanza penale del singolo viaggio? – 9. Riflessioni conclusive: il delicato equilibrio tra esigenze di tutela e diritti umani.