ISSN 2039-1676


ISSN 2039-1676


30 giugno 2017 |

Omicidio "stradale" e guida in stato di ebbrezza: concorso di reati o convergenza apparente di norme? Il possibile revirement (per ora solo rimandato) della Corte di Cassazione

Nota a Cass., Sez. IV, sent. 12 dicembre 2016 (dep. 18 gennaio 2017), n. 2403, Pres. Romis, rel. Tanga, ric. Minutillo

Contributo pubblicato nel Fascicolo 6/2017

Il presente contributo è stato sottoposto in forma anonima, con esito favorevole, alla valutazione di un revisore esperto.

 

Per leggere il testo della sentenza in commento, clicca qui.

 

Abstract. Il contributo analizza la recente sentenza con la quale la Cassazione è tornata ad affrontare la questione dei rapporti tra i delitti di omicidio e di lesioni correlati alla violazione delle norme sulla circolazione stradale e la contravvenzione della guida in stato di ebbrezza. Con una motivazione che, da un lato, si pone in continuità con il consolidato indirizzo giurisprudenziale che riconosce la configurabilità del concorso tra i delitti contro la persona previsti dal codice penale e l’illecito contravvenzionale disciplinato dal codice della strada, ma che, dall'altro lato, lascia intravedere la possibilità di una vera e propria svolta interpretativa alla luce della recente novella legislativa in materia di omicidio e di lesioni personali “stradali”.

 

SOMMARIO: 1. Premessa. – 2. Il fatto. – 3. Omicidio stradale e violazione degli artt. 186 e 187 del codice della strada: concorso di reati, concorso apparente di norme o reato complesso? – 3.1. L’opinione della dottrina. – 3.2. La posizione tradizionale della giurisprudenza. – 4. La nuova disciplina in materia di circolazione stradale: i reati di omicidio e di lesioni personali “stradali”. – 5. L’impatto della riforma sulla questione del concorso tra il delitto di omicidio “stradale” aggravato e il reato di guida in stato di ebbrezza: l’arresto della Cassazione. – 6. Considerazioni conclusive: un revirement all’orizzonte?