ISSN 2039-1676

logo università Bocconi
logo università degli studi di Milano
con la collaborazione scientifica di

ISSN 2039-1676


12 maggio 2017 |

Tra guerra e terrorismo: le giurisprudenze nazionali alla prova dei foreign fighters

Contributo pubblicato nella Rivista Trimestrale 2/2017

Abstract. Nel quadro della controversa questione relativa ai regimi giuridici applicabili alle attività violente tenute all’interno di un contesto di guerra, l’intervento autorevole della Sezione I della Corte di Cassazione aveva consentito di identificare, facendo perno sulla qualifica dei soggetti passivi degli attacchi armati, un “nocciolo duro” di condotte certamente identificabili come “terroristiche”. Il fenomeno dei foreign fighters, collocandosi in una zona grigia ancora non del tutto coperta né dall’elaborazione giurisprudenziale, né tanto meno dalla produzione legislativa, sollecita tuttavia gli interpreti a nuovi sforzi ermeneutici per cercare di sciogliere il nodo dato dalla sovrapposizione in questa materia tra diritto penale nazionale, internazionale e diritto umanitario. Nella perdurante assenza di decisi interventi normativi in questo senso, l’analisi comparata delle decisioni prese dai tribunali nazionali si presenta come uno strumento utile a mappare le emergenti linee guida elaborate dinnanzi a questo fenomeno da parte della giurisprudenza europea.

 

SOMMARIO: 1. Terrorismo e guerriglia. La giurisprudenza italiana, dall’ordinanza “Forleo” alla sentenza n. 1072/2007. – 1.2. La sentenza del GUP di Napoli, del 23 giugno 2006. – 2. Uno sguardo oltre confine: Regina v. Mohamed Gul. – 3. Il problema dei foreign fighers. – 3.1. Un approccio diverso: la sentenza del Tribunale di Anversa sul caso Sharia4Belgium. – 4. Esitazioni normative e la supplenza dei tribunali nazionali.