ISSN 2039-1676

logo università Bocconi
logo università degli studi di Milano
con la collaborazione scientifica di

ISSN 2039-1676


4 maggio 2017 |

Ancora sui rapporti tra il principio di affidamento ed équipe medica

Osservazioni su Cass., sez. IV, sent. 30 marzo 2016 (dep. 5 maggio 2016), n.18780, Pres. D’Isa, Rel. Menichetti, Ric. Tassis e Valenti

Contributo pubblicato nel Fascicolo 5/2017

Il presente contributo è stato sottoposto in forma anonima, con esito favorevole, alla valutazione di un revisore esperto.

 

Per leggere il testo della sentenza in commento, clicca qui.

 

Abstract. Col presente scritto si è cercato di ripercorrere – pur nella consapevolezza della sinteticità che deve caratterizzare una nota a sentenza – il dibattito in tema di interventi terapeutici pluripersonali. Come noto, alla esecuzione pluripersonale dell'intervento terapeutico sono correlati una serie rischi che presentano profili di eterogeneità rispetto a quelli propri della prestazione medica, per così dire, monosoggettiva e che ricorrono, in vero, in ogni caso in cui si dia vita a forme di collaborazione tra più persone. Orbene, qualora i suddetti rischi si concretizzino in un esito infausto, l'interprete è chiamato ad individuare i criteri posti a governo del giudizio di accertamento della responsabilità penale. Tali criteri devono, necessariamente, essere compatibili con i principi costituzionali e, in particolare, con quello che consacra la personalità della responsabilità penale.

 

SOMMARIO: 1. Introduzione. Le diverse forme di équipe e il principio della divisione del lavoro come fattore di rischio e di sicurezza. – 2. La spinta verso il principio di personalità della responsabilità penale nel settore dell’attività medico-chirurgica in équipe. Il principio di affidamento. – 3. La dialettica regola-eccezione nell’applicazione del principio di affidamento. – 4. La riconduzione a sistema.