ISSN 2039-1676

logo università Bocconi
logo università degli studi di Milano
con la collaborazione scientifica di

ISSN 2039-1676


14 ottobre 2016 |

Il limite come controlimite

Riflessioni sulla vicenda Taricco

Il presente contributo è in corso di pubblicazione in M. D'Amico - I. Pellizzone (a cura di), Principio di legalità penale e diritto costituzionale. Atti del convegno tenutosi all'Università degli Studi di Milano il 15 aprile 2016, Giuffrè, Milano, 2016: l'Autore e la Direzione di Diritto Penale Contemporaneo ringraziano i curatori per avere concesso la pubblicazione in questa Rivista.

 

Abstract. In queste pagine si vuole riflettere sui controlimiti evocati dalla vicenda Taricco. In particolare si dubita che questi emergano dal - pur obiettivo - contrasto tra la sentenza della Corte di giustizia e l'art. 25 secondo comma della Costituzione. Si ritiene invece che a costituire un controlimite siano i limiti che la nostra Costituzione ha assegnato al giudice penale. Per argomentare questa affermazione si procede lungo tre filoni. Una ricostruzione - anche di tipo antropologico - sui miti fondatori dell'integrazione europea e su come questi si riverberino su una determinata idea delle funzioni del giudice. Una riflessione - anche di tipo culturale - sulla rivoluzione che emerge dalla vicenda Taricco rispetto alla "storica" questione in malam partem avente ad oggetto l'adeguatezza che interessò la Corte di giustizia dieci anni fa, cioè il caso Berlusconi. Un'analisi della struttura del giudizio di adeguatezza.

In chiusura, dopo avere richiamato le ragioni per cui la Costituzione ha stabilito precisi limiti ai poteri di cognizione e di intervento del giudice, si cercherà di ricordare l'ovvietà che legge e giudice, invece che due duellanti (come si tende oggi a rappresentarli), sono due alleati, che si aiutano a vicenda.

 

SOMMARIO: 1. Premessa: l'idea di Giudice penale come campo di tensione essenziale della vicenda. - 2. "Metafore", "strumenti" e "grandissime opportunità". Un pò di antropologia dell'Unione europea. - 3. L'adeguatezza. - 4. Il giudizio di adeguatezza. - 5. Il «limite inerente alla natura dell'attività giurisdizionale» come controlimite. - 6. Chiusa. Legge e Giudice.