ISSN 2039-1676

logo università Bocconi
logo università degli studi di Milano
con la collaborazione scientifica di

ISSN 2039-1676


15 luglio 2015 |

Le Sezioni Unite sulla natura della confisca di prevenzione: un'altra occasione persa per un chiarimento sulle reali finalità della misura

Nota a Cass. pen., Sez. Un., 26 giugno 2014 (dep. 2 febbraio 2015), n. 4880, Pres. Santacroce, Rel. Bruno, ric. Spinelli e altro

Il contributo è pubblicato nel n. 4/2015 della nostra Rivista trimestrale. Clicca qui per accedervi.

 

Per leggere il testo della sentenza in commento clicca qui.

 

Abstract. Le Sezioni Unite riaffermano la natura preventiva dell'ipotesi di confisca attualmente prevista dal c.d. "codice antimafia", nonostante l'evoluzione legislativa e giurisprudenziale ne attesti sempre più nitidamente una diversa funzione di neutralizzazione dei profitti di provenienza illecita, indipendentemente dalla pericolosità dei beni e dei destinatari. Rimangono aperti, quindi, gli interrogativi circa l'esatta collocazione sistematica di tale istituto ed i limiti che devono presidiarne l'applicazione, anche alla luce della sua progressiva estensione ad ipotesi delittuose estranee al fenomeno mafioso.

 

SOMMARIO: 1. Rilievi introduttivi: le ragioni di un nuovo intervento delle Sezioni Unite sulla natura della confisca di prevenzione. - 2. Confisca "di prevenzione", ma quale prevenzione? - 3. Dalle "anomalie" al mutamento di paradigma: la reale funzione della confisca dei proventi da attività criminali. - 4. La neutralizzazione dei vantaggi da reato: "terzo binario" ovvero forma di repressione della criminalità del profitto? - 5. Oltre i confini della "materia penale", il fine giustifica sempre i mezzi?