ISSN 2039-1676

logo università Bocconi
logo università degli studi di Milano
con la collaborazione scientifica di

ISSN 2039-1676


14 luglio 2015 |

Sull'annullamento dell'ordinanza cautelare priva dell'autonoma valutazione degli indizi e delle esigenze di cautela

Nota a Trib. Napoli, Sez. XII - riesame, Collegio C, ord. 19 maggio 2015, Pres. est. Ianuario

 

Per leggere il testo dell'ordinana in commento clicca qui.


Abstract. Nel presente contributo si esamina una delle prime decisioni del tribunale del riesame di annullamento di un'ordinanza cautelare per il difetto di "autonoma valutazione" dei gravi indizi di colpevolezza e delle esigenze di cautela e, dunque, per la violazione degli art. 292 e 309 c.p.p., come modificati dalla recente legge n. 47 del 2015. E' l'occasione per soffermarsi sul contenuto del provvedimento applicativo di una misura cautelare e sul giudizio di riesame, con particolare attenzione al potere del tribunale di integrazione della motivazione.

 

SOMMARIO: 1. Il provvedimento del tribunale. - 2. La nullità dell'ordinanza priva di motivazione e la sua integrazione da parte del tribunale. - 2.1. L'indirizzo giurisprudenziale che limita l'annullamento per difetto di motivazione ai soli casi di difetti formali. - 2.2. L'orientamento che sanziona con l'annullamento anche la mancanza di "autonoma motivazione". - 2.3. La riforma dell'art. 309 c.p.p. ed i limiti all'integrazione della motivazione. ­- 2.4. Il giudizio di riesame e la tutela del diritto di difesa come contraddittorio. - 3. I riflessi della novella sulla forma dell'ordinanza cautelare. - 4. Considerazioni conclusive.