ISSN 2039-1676

logo università Bocconi
logo università degli studi di Milano
con la collaborazione scientifica di

ISSN 2039-1676


7 luglio 2015 |

Confisca di prevenzione e tutela dei terzi creditori. Un difficile bilanciamento di interessi

Approfondimento a margine dei recenti interventi della Corte costituzionale (sentenza n. 94 del 2015 e ordinanza n. 101 del 2015)

Clicca qui per leggere il testo della sentenza 94/2015.

Clicca qui per leggere il testo dell'ordinanza 101/2015.

 

SOMMARIO: 1. Gli "interventi" della Corte costituzionale sulla tutela dei terzi nella confisca di prevenzione. - 1.1. La recente regolamentazione della tutela dei terzi: critiche e progetti di riforma. - 1.2. Le decisioni della Corte costituzionale del 2015 e la rilettura della disciplina vigente alla luce di tali interventi. - 1.3. La sentenza 28 maggio 2015, n. 94. - 1.4. L'ordinanza 5 giugno 2015, n. 101. - 2. Le diverse forme di confisca e i diritti dei terzi. - 2.1. Le diverse forme di confisca. - 2.2. Gli effetti delle confische sulle diverse categorie di terzi. - 2.3. La difficile regolamentazione dei diritti dei terzi: orientamenti giurisprudenziali e legislativi (cenni). -3. Diritti dei terzi e ordinamento sovranazionale (cenni). - 4. Confisca di prevenzione e terzi titolari di diritti di credito: inquadramento generale ed evoluzione normativa. - 4.1. I terzi creditori. - 4.2. La non agevole regolamentazione. - 4.3. L'evoluzione normativa, i tentativi incompiuti. - 4.4. Le diverse regolamentazioni (giurisprudenziali e normative). - 5. L'approdo giurisprudenziale previgente il d.lgs. n. 159/11. - 5.1. I creditori privi di garanzia reale. - 5.1.1. Profili generali. - 5.1.2. I crediti vantati nei confronti di società o aziende. - 5.1.3. La distinzione società azienda. - 5.2. I creditori titolari di diritti reali di garanzia. - 5.2.1. La giurisprudenza penale. - 5.2.2. La giurisprudenza civile. La risoluzione del contrasto tra le sezioni penali e civili della Cassazione. - 6. La regolamentazione del d.lgs. n. 159/11 (procedimenti iniziati dal 13 ottobre 2011). - 6.1. Profili generali. - 6.2. La disciplina transitoria, la l. n. 228/12. - 6.3. Il limite al "valore" della garanzia patrimoniale in favore dei terzi. - 6.4. La costituzionalità e la compatibilità con la Cedu della nuova regolamentazione. - 6.4.1. La conformità alla CEDU. - 6.4.2. La conformità alla Costituzione. - 6.5. I crediti disciplinati dall'art. 52 d.lgs. n. 159/11. - 6.6. I presupposti per la tutela dei terzi titolari di diritti di credito e di diritti reali di garanzia (cenni). - 6.6.1. a) L'anteriorità del diritto rispetto al sequestro. - 6.6.2. b) La previa escussione del restante patrimonio del proposto. - 6.6.3. c) La non strumentalità del credito all'attività illecita, la buona fede. - 6.6.4. I requisiti nei casi di: d) promessa di pagamento o di ricognizione di debito; e) portatore di titolo di credito. - 6.6.5. Gli atti utilizzabili. - 6.7. I terzi titolari di crediti "prededucibili". - 6.8. La prosecuzione dei rapporti pendenti. I diritti dei terzi per crediti sorti prima del sequestro. - 6.9. Le azioni esecutive (e di cognizione) sui beni sottoposti a misure di prevenzione. - 6.10. Il procedimento di accertamento dei diritti dei terzi (cenni). - 6.11. I rapporti con le procedure concorsuali. - 6.11.1. Profili generali, il regime previgente al d.lgs. n. 159/11. - 6.11.2. La regolamentazione del d.lgs. n. 159/11. - 7. La l. n. 228/12 (regolamentazione dei rapporti relativi ai procedimenti iniziati prima del 13 ottobre 2011): questioni di carattere generale. - 7.1. L'origine della disciplina, la sentenza n. 10532/13 delle Sezioni Unite civili. - 7.2. L'ambito (temporale) di applicazione della disciplina della l. n. 228/12, la residua operatività dei principi giurisprudenziali preesistenti. - 7.3. I presupposti di applicabilità. - 7.4. I soggetti legittimati. - 7.5 I presupposti della tutela. - 7.6. Gli effetti della nuova disciplina: l'acquisto del bene da parte dello Stato a titolo originario. - 7.7. Gli effetti della nuova disciplina: l'esito delle azioni esecutive (immobiliari e mobiliari). - 7.8. I limiti della garanzia. - 7.9. Il procedimento. - 7.10. Il provvedimento del Tribunale e il procedimento di liquidazione del credito. - 7.11. Gli effetti sui procedimenti azionati dai creditori già definiti. - 8. Tutela dei terzi creditori e sequestro/confisca ex art. 12-sexies d.l. n. 306/92 conv. dalla l. n. 356/92 - 9. Conclusioni.