ISSN 2039-1676

logo università Bocconi
logo università degli studi di Milano
con la collaborazione scientifica di

ISSN 2039-1676


3 luglio 2015 |

La presunta violazione da parte dell'Italia del principio di legalità  ex art. 7 CEDU: un discutibile approccio ermeneutico o un problema reale?

C. eur. dir. uomo, sez. IV, sent. 14 aprile 2015, Contrada c. Italia (n.3)

 

Abstract. Con la sentenza in epigrafe, la Corte Edu ha sancito la violazione da parte dell'Italia del principio di legalità, avendo condannato Bruno Contrada per concorso esterno in associazione mafiosa a causa di condotte commesse in un periodo antecedente rispetto alla sentenza della Cassazione c.d. Demitry, riconosciuta come sentenza "pilota" su tale reato. Con tale pronuncia, la Corte di Strasburgo sanziona la presunta imprevedibilità per il condannato del diritto applicato, frutto di un mutamento giurisprudenziale sfavorevole: nel sistema Cedu, infatti, ai fini dell'applicazione del principio di irretroattività, la giurisprudenza è equiparata alla fonte legale. Le motivazioni seguite dalla Corte, tuttavia, non convincono del tutto: a un carente approfondimento sul piano socio-criminologico dei fenomeni di contiguità mafiosa nell'analisi della giurisprudenza interna sul reato di concorso esterno, si accompagna una discutibile commistione di piani ordinamentali nell'applicazione del principio di legalità, non essendo chiaro se, con la sentenza in questione, la Corte abbia inteso imporre all'Italia una valorizzazione in chiave vincolante del precedente, alla stregua degli ordinamenti di common law. Se così fosse, non sarebbe da escludersi che l'art. 7 Cedu, così come interpretato dalla Corte, si ponga in contrasto con l'art. 25 comma 2 della nostra Costituzione, essendo quello di legalità, valorizzato nella prospettiva del principio della separazione dei poteri, uno dei crismi fondamentali su cui si basa il nostro ordinamento penale.

 

SOMMARIO: 1. La sentenza della C. Edu del 14 aprile 2015, ricorso n° 66655/13: la valutazione della Corte in ordine alla violazione da parte dell'Italia dell'art. 7 della Convenzione. - 2. L'"approdo" al concorso esterno nel reato di associazione mafiosa: la sentenza Demitry e i problemi di contiguità mafiosa. - 3. Le diverse valutazioni della Corte Edu in ordine al principio di legalità tra irretroattività, sufficiente determinatezza e prevedibilità. - 4. Segue: la nozione di reato di creazione giurisprudenziale, la sua ricognizione da parte della C. Edu ed il paradosso giuridico espresso dalla sentenza Cedu Contrada c. Italia. - 5. I problemi di interpretazione ed applicazione della legge penale posti dalla sentenza Contrada della Cedu. - 6. Conclusioni.