ISSN 2039-1676


ISSN 2039-1676


20 marzo 2015 |

Alcune considerazioni sulla nuova disciplina del processo in assenza e nei confronti degli irreperibili

Tante ombre e qualche luce

Il contributo è ora pubblicato nel n. 1/2015 della nostra Rivista trimestrale. Clicca qui per accedervi.

In vista della pubblicazione su Diritto penale contemporaneo - Rivista trimestrale, il presente contributo, qui pubblicato in anteprima, è stato sottoposto in forma anonima, con esito favorevole, alla valutazione di due revisori esperti.


Abstract. La riforma del rito contumaciale introdotta con l. 17 maggio 2014, n. 67 rappresenta l'ultima risposta in termini di tempo alle pressioni esercitate dai giudici europei. Ma si tratta di una risposta ancora una volta deludente. Le soluzioni in alcuni casi sono incoerenti, in altri insoddisfacenti, evidenziando come si sia in presenza di un'ennesima occasione perduta. In particolare, nonostante la riforma si proponga di innovare il nostro sistema giudiziario, offrendo soluzioni concrete alle richieste di maggiore efficienza ed efficacia del processo penale; rispetto al passato, la procedura di accertamento della regolare costituzione delle parti appare più complessa e farraginosa. Sotto diversi aspetti, poi, il rafforzamento delle garanzie difensive risulta soltanto apparente, svelando i segni di un sistema a cui in realtà sembra poco interessare la presenza nel processo dell'attore principale, preoccupandosi più che altro di trovare giustificazioni alla possibilità di celebrare il processo in sua assenza.

 

SOMMARIO: 1. Una riforma dai tratti chiaroscuri. - 2. La celebrazione del processo in absentia. L'inadeguatezza dei meccanismi presuntivi. - 3. L'esecuzione di un provvedimento limitativo della libertà personale. - 4. La nomina di un difensore di fiducia. - 5. L'elezione di domicilio. - 6. La certezza della conoscenza del procedimento quale chiave di lettura dell'intera riforma. - 7. I rimedi restitutori: un incomprensibile arretramento sul piano della effettività delle garanzie. - 8. La sospensione del rito per gli imputati irreperibili. 9. - Gli effetti della sospensione sulla prescrizione del reato. - 10. C'è ancora spazio per alcune proposte de iure condendo. - 11. La disciplina transitoria, tra regole ed eccezioni.