ISSN 2039-1676


ISSN 2039-1676


16 marzo 2015 |

Falsa dichiarazione all'INPS e indebita compensazione: una fattispecie in bilico tra diverse qualificazioni giuridiche

A margine di Cass. pen., Sez. II, ud. 17 ottobre 2014 (dep. il 24 novembre 2014), n. 48663, pres. F. Fiandanese, rel. L. Lombardo.

 

Per leggere la sentenza in commento clicca qui.

Per leggere il contributo a firma di S. Finocchiaro, di cui di seguito riportiamo il sommario, clicca sotto su "download documento".


SOMMARIO: 1. Premessa. - 2. I fatti: la condotta del datore di lavoro. - 3. La decisione della Corte e la motivazione della sentenza. - 4. Alcune diverse possibili qualificazioni del fatto. - 4.1. Truffa aggravata ex art. 640-bis. - 4.2. Indebita compensazione ex art. 10-quater d.lgs n. 74/2000 e falsità in registrazione o denuncia obbligatoria ex art. 37 l. n. 689/1981. - 4.3. Appropriazione indebita ex art. 646 c.p. - 5. Esclusione delle soluzioni diverse da quella prospettata dalla Cassazione. - 5.1. Esclusione della truffa ex art. 640-bis c.p. - 5.2. Esclusione dell'indebita compensazione ex art. 10-quater d.lgs. n. 74/2000 e della falsità in registrazione o denuncia obbligatoria ex art. 37 l. n. 689/1981. - 5.3. Esclusione dell'appropriazione indebita ex art. 646 c.p. - 6. Conclusioni. La possibilità di qualificare la condotta come violazione dell'art. 316-ter c.p.