ISSN 2039-1676


ISSN 2039-1676


27 ottobre 2014

Verso una mini-riforma del processo penale: le proposte della Commissione Canzio

Relazione conclusiva e allegati della Commissione istituita con decreto del 10 giugno 2013 presso l'Ufficio Legislativo del Ministero della giustizia "per elaborare una proposta di interventi in tema di processo penale"

In attesa della presentazione alle Camere del decreto legislativo approvato dal Governo allo scorso agosto, che - in base alle anticipazioni - dovrebbe contenere importanti proposte di modifiche anche in materia di processo penale, riceviamo dal Presidente della Corte d'appello di Milano Giovanni Canzio, e volentieri pubblichiamo, la relazione finale predisposta dalla Commissione in epigrafe, istituita dall'allora Ministro della giustizia Cancellieri e da lui presieduta, nonché gli allegati con i relativi articolati, che costituiranno certo un importante punto di riferimento per le proposte di riforme che il Governo in carica si appresta a varare.

La Commissione, presieduta da Giovanni Canzio, era composta da esponenti dell'Università (Giorgio Spangher - vice presidente -, Paola Balducci, Francesco Caprioli, Giulio Illuminati, Antonella Marandola), dell'Avvocatura (Rosita Petrelli, Matteo Pinna, Emilia Rossi, Valerio Spigarelli, presidente dell'Unione delle Camere Penali) e della Magistratura (Gastone Andreazza, Sergio Beltrani, Renato Bricchetti, Giovanni Conti, Claudio Di Ruzza, Giovanni Ferrara, Antonello Mura, Luca Pistorelli, Agnello Rossi). Il Comitato scientifico era composto da Alessandro Diddi, Flavia Insom, Vania Maffeo e Paola Mastroberardino

Per scaricare il testo della relazione finale, clicca sotto su downolad documento.

Per scaricare l'allegato in materia di misure cautelari, clicca qui.

Per scaricare l'allegato in materia di indagini preliminari, clicca qui.

Per scaricare l'allegato in materia di riti alternativi, clicca qui.

Per scaricare l'allegato in materia di impugnazioni, clicca qui.

Per scaricare l'allegato in materia di particolare tenuità del fatto, clicca qui.