ISSN 2039-1676

logo università Bocconi
logo università degli studi di Milano
con la collaborazione scientifica di

ISSN 2039-1676


10 ottobre 2013 |

Difesa legittima e C.I.E. La vulnerabilità  giuridica di una detenzione 'fuori legge'

Nota a Trib. Crotone, 12 dicembre 2012, n. 1410, giud. D'Ambrosio, imp. Aarrassi

 

Abstract. La sentenza in commento riguarda un caso di rivolta all'interno di un «C.I.E.» (Centro di identificazione ed espulsione). In questa nota, l'autore condivide la tesi sostenuta dal giudice, che ha ritenuto le condotte degli imputati giustificate dalla difesa legittima. L'autore analizza le cause e i possibili effetti di tale inedita conclusione, mettendo anche in luce numerosi profili di "vulnerabilità giuridica" della disciplina del trattenimento.

Abstract. The judgment under review deals with a case of riot within an Italian CIE (Centre for identification and expulsion). The author shares the thesis upheld by the judge, who has considered the conduct of the defendants justified by self-defense. The author analyzes the causes and the possible effects of this unprecedented conclusion. He also points out several aspects of "legal vulnerability", which characterize the rules and regulations governing the detention of immigrants in CIEs.

 

Sommario: 1. Premessa: il caso oggetto di giudizio. - 2. La configurabilità della difesa legittima: l'esistenza di una "situazione aggressiva". - 2.1. L'oggetto dell'aggressione. - 2.2. Le modalità dell'aggressione. - 2.3. L'ingiustizia dell'offesa. - 2.3.1. L'ingiustizia alla stregua della legislazione ordinaria e della normativa dell'Unione europea. - 2.3.2. L'ingiustizia alla stregua delle norme costituzionali. - 2.4. L'attualità del pericolo. - 3. La "reazione difensiva". - 3.1. La costrizione. - 3.2. La necessità di difendersi. - 3.3. La proporzionalità della reazione. - 4. A mo' di conclusione: la disciplina dei «C.I.E.» si scopre "debole".

 

Clicca qui per scaricare il testo della sentenza del Tribunale di Crotone, qui in commento, già oggetto di una scheda pubblicata in questa Rivista

Clicca sotto su "download documento" per scaricare il testo del commento in pdf.