ISSN 2039-1676


ISSN 2039-1676


5 luglio 2012 |

La costituzione di parte civile degli enti territoriali nei processi per associazione per delinquere di stampo mafioso

Nota a Trib. Milano, ufficio GIP, 20.6.2011 (dep. 19.7.2011), GUP Castelli, imp. Belnome

Clicca qui per accedere alle massime ed al testo della sentenza commentata, a suo tempo pubblicata sulla nostra Rivista.

Per accedere alla nota, di cui si riporta di seguito il sommario, clicca sotto su "download documento"

 

SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La legittimazione - 2.1. Il bene giuridico tutelato dall'art. 416-bis c.p.p. - 2.2. la natura dell'intervento dell'ente territoriale... - 2.3. ...quando il Comune non agisce iure proprio - 2.4. ...e l'azione a tutela di interessi collettivi - 2.5. Conclusioni sulla legittimazione - 3. Il danno - 3. 1. Latitudine del danno: limitazione del danno alla componente diretta e immediata - 3.2. Esclusione del danno in re ipsa  - 3.3. La prova del danno e la sua quantificazione - 3.4. L'utilizzo di formule motivazionali volte a eludere il problema della dimostrazione del danno - 3.5. Alternative all'azione per risarcimento del danno non patrimoniale - 4. Conclusioni - 4.1. Il rischio dell'inefficienza della costituzione di parte civile - 4.2. L'opportunità di avvalersi di istituti ripristinatori o indennitari ad hoc diversi dalla costituzione di parte civile.