ISSN 2039-1676

logo università Bocconi
logo università degli studi di Milano
con la collaborazione scientifica di

ISSN 2039-1676


10 aprile 2012 |

Figli di un dio minore? Sulla sorte dei condannati all'ergastolo in casi analoghi a quello deciso dalla Corte EDU in Scoppola c. Italia

Riflessioni in attesa della decisione delle Sezioni Unite

Clicca qui per accedere alla sentenza della Corte d'Assise di Caltanissetta di cui si dà conto al § 5.


Clicca in basso su download documento per accedere al testo dell'articolo.

 

SOMMARIO:  1. Il problema. - 2. Il quadro normativo interno..- 3. Il caso di specie e i principi di diritto statuiti dalla Corte EDU in Scoppola c. Italia (n. 2). - 4. L'esecuzione della sentenza Scoppola nell'ordinamento italiano. - 5. Il caso di specie deciso dalla Corte d'Assise di Caltanissetta. - 6. Premesse per una soluzione: a) il significato generale della sentenza Scoppola per il nostro ordinamento. - 7. (Segue): sulle pretese differenze tra il caso di Franco Scoppola e quello del ricorrente avanti la Corte d'Assise di Caltanissetta. - 8. Prima conclusione: l'esecuzione della pena eccedente i trent'anni è convenzionalmente illegittima per tutti coloro che si trovino nella medesima situazione di Franco Scoppola. - 9. Rimuovere il giudicato? I termini del dilemma. - 9.1. Argomenti per una risposta negativa. - 9.2. I costi di tale soluzione. - 10. Una possibile via d'uscita (se la vedano a Strasburgo...). - 11. Alla ricerca di una via d'uscita 'interna': l'individuazione della causa normativa che ha prodotto la violazione dei diritti fondamentali dei condannati. - 12. Seconda conclusione: il giudicato può cedere di fronte alla (sopravvenuta) inapplicabilità di una norma penale sostanziale. - 13. Un ulteriore problema: è qui necessario l'intervento della Corte costituzionale? - 14. Terza conclusione: è praticabile una interpretazione conforme all'art. 7 CEDU dell'art. 7 d.l. 479/1999 da parte dello stesso giudice ordinario. - 15. Quarta conclusione: il procedimento di esecuzione è la sede appropriata per rideterminare la pena. - 16. Sintesi e considerazioni conclusive.