ISSN 2039-1676

logo università Bocconi
logo università degli studi di Milano
con la collaborazione scientifica di

ISSN 2039-1676


26 gennaio 2012

Lo stalking quale reato d'evento

Corte App. Milano, Sez. V penale, 14 dicembre 2011 (dep. 13 gennaio 2012), n. 5123/11, Pres. ed Est. Cerqua, Imp. D.F.

REATI CONTRO LA PERSONA - ATTI PERSECUTORI - Fondato timore e grave stato di ansia e di paura - Criteri di accertamento

Il delitto di atti persecutori (o stalking), previsto dall'art. 612 bis c. p., deve essere qualificato come fattispecie causale, caratterizzata da condotte alternative e da eventi disomogenei, ciascuno dei quali idoneo ad integrarla, i quali devono oggetto di rigoroso e puntuale accertamento da parte del giudice[1]. In particolare, l'evento consistente nel "fondato timore per l'incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona [...] legata [all'agente] da relazione affettiva" dovrà essere desunto da una ponderata valutazione della gravità delle condotte e della loro idoneità a rappresentare una minaccia credibile di un pericolo incombente; mentre l'evento alternativo consistente nel "grave stato di ansia o di paura" andrà identificato in una condizione emotiva spiacevole, accompagnata da un senso di oppressione e da una notevole diminuzione dei poteri di controllo volontario e razionale, che deve essere grave e non passeggera e potrà assumere rilevanza penale anche se non si traduce in precise sindromi canonizzate dalla scienza medico-psicologica.

Riferimenti normativi:

Art. 612 bis c.p.

 

Per accedere al file PDF dell'ordinanza clicca l'icona sottostante.

 


[1] Nello stesso senso la giurisprudenza della Suprema Corte, citata nella motivazione. Analogamente gran parte della dottrina: v., per tutti, A. VALSECCHI, Il delitto di "atti persecutori" (il cd stalking), in Riv. it. dir. proc. pen., 2009, p. 1389; M. CAPUTO, Eventi e sentimenti nel delitto di atti persecutori, in Studi in onore di Mario Romano, vol. III, Napoli, 2011, p. 1391 ss.; non mancano però voci contrarie, come, ad es., A. M. MAUGERI, Lo stalking tra necessità politico-criminale e promozione mediatica, Torino, 2010, p. 153 ss. A tali opere si rinvia per le ulteriori citazioni bibliografiche. Sul nuovo delitto di atti persecutori, v. inoltre AA. VV., Violenza sessuale e stalking, Forlì, 2009; F. BARTOLINI, Lo stalking e gli atti persecutori nel diritto penale e civile, Piacenza, 2009; R. MARINO, Violenza sessuale, pedofilia, stalking, Napoli, 2009; C. PARODI, Stalking e tutela penale, Milano, 2009; S. TOVANI - A. TRINCI, Lo stalking, Roma, 2009; F. SARNO, Il nuovo reato di atti persecutori (art. 612-bis), Milano, 2010; A. SORGATO, Lo stalking, Torino, 2010; A. BARSOTTI - G. DESIDERI, Stalking, Milano, 2011; P. GHIRARDELLI, Lo stalking, Milano, 2011.