ISSN 2039-1676

logo università degli studi di Milano


Lorenzo Salazar


Magistrato

Nato a Napoli il 4 ottobre 1958.

Entrato giovanissimo in magistratura nel 1982, dopo brevi esperienze alla Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, al Ministero del Tesoro ed in Magistratura militare, è  stato giudice al Tribunale di Busto Arsizio per assumere quindi le funzioni di  Referendario alla Corte di Giustizia delle Comunità europee in Lussemburgo presso il Gabinetto dell'Avv. Generale Federico Mancini dal 1987 al 1988. 

Magistrato addetto all'Ufficio Legislativo del Ministero di grazia e giustizia dal 1989 al 1996,  ricopre nel frattempo anche la carica (dal 1996 al 2000) di Presidente del Gruppo Multidisciplinare contro la Corruzione (GMC) del Consiglio d'Europa che ha negoziato le Convenzioni anticorruzione in materia penale e civile nonché l’Accordo sul Gruppo di Stati contro la corruzione – GRECO.

Nel 1997 viene nominato Esperto per la cooperazione giudiziaria (penale e civile), alla Rappresentanza Permanente d'Italia presso l'Unione europea (Bruxelles), funzioni che svolgerà ininterrottamente (seguendo anche la Presidenza italiana del Consiglio dell’Unione del 2003), sino al dicembre 2004, quando diviene Membro del Gabinetto del Vice Presidente della Commissione europea, Franco Frattini, Commissario responsabile per la Giustizia, la Libertà e la Sicurezza.

Rientrato in Italia nell’autunno del 2008, viene nominato Direttore dell’Ufficio I (Affari Legislativi, Internazionali, Grazie e Monitoraggio) della Direzione generale della Giustizia penale del Ministero della Giustizia.

In tale qualità ha rcoperto anche diversi incarichi a livello internazionale ed in particolare quelli di Vice Presidente del Working Group on Bribery – WGB (Gruppo di lavoro sulla corruzione internazionale) dell’OCSE (carica che tuttora ricopre sin dal 2013) e di Presidente del Comitato Europeo dei Problemi Criminali (CDPC) del Consiglio d’Europa (dal 2011 al 2013), Comitato nel quale continua a sedere. Nel corso del 2014 ricopre la carica di Coordinatore per la Giustizia  penale della Presidenza italiana del Consiglio dell’Unione europea  e presiede anche a Bruxelles i Gruppo di lavoro del Consiglio in materia di coordinamento penale e di negoziato sulla proposta di regolamento sulla Procura europea.

Dal 18 marzo 2015 svolge le funzioni di Sostituto Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Napoli dove è anche Punto di contatto della Rete Giudiziaria Europea in materia penale e Corrispondente nazionale per Eurojust.