ISSN 2039-1676

logo università Bocconi
logo università degli studi di Milano
con la collaborazione scientifica di

ISSN 2039-1676


Marco Gioia


Nato nel 1986, ha conseguito con la votazione di 110 e lode la Laurea magistrale in Giurisprudenza nel 2011 presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in Diritto penale sul delitto di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti (rel. Prof. S. Moccia). Nel corso degli studi universitari ha effettuato un periodo di sei mesi di studio all'estero presso l'ESADE - Facultad de Derecho di Barcellona (programma Erasmus).

Dal 2012 è dottorando di ricerca in "Sistema penale integrato e processo" presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II, dove collabora attivamente alle attività di ricerca e di didattica delle cattedre dei proff. A. Cavaliere e S. Moccia. Dalla stessa data è cultore della materia in Diritto penale e in Diritto penale europeo e internazionale.

Dal 2012 partecipa all'Osservatorio giurisprudenziale, diretto dal prof. A. Cavaliere,  commentando periodicamente le più significative decisioni in materia penale della Corte di Cassazione, della Corte costituzionale, della CGUE e della Corte EDU.

Nel 2014 è risultato vincitore della Call for Paper indetta da Dip.Lap (Laboratorio Permanente di Diritto Penale) sul tema "Riformulazione-frattura del delitto di concussione ex art. 317 c.p", con un lavoro dal titolo "Il criterio di distinzione tra concussione e induzione alla prova delle ipotesi di throffer (minaccia-offerta)" ed è stato relatore al relativo Convegno tenutosi il 14 febbraio 2014 all'Università di Milano Bicocca. Inoltre, nello stesso anno, ha trascorso un periodo di studio e ricerca presso la Cambridge University, sotto la supervisione del prof. J. Spencer.

Ha partecipato al Corso di formazione per dottorandi in diritto e procedura penale presso l'Istituto Superiore Internazionale di Scienze Criminali (ISISC) con sede a Siracusa: "La responsabilità da reato degli enti ex d.lgs. 231/2001: profili nazionali, comparati ed europei" (2012).

Dal 2014 è abilitato all'esercizio della professione di avvocato.

 

PUBBLICAZIONI

Il reato di traffico di influenze illecite: una fattispecie "tecnicamente" sbagliata, in Critica del diritto, 3/2013

Il criterio di distinzione tra concussione e induzione alla prova delle ipotesi di throffer (minaccia-offerta), in Dir. pen. cont.,

Traduzione dal castigliano del saggio di E. R. Zaffaroni, Alessandro Baratta en el recuerdo, in Critica del diritto, 3/2013