ISSN 2039-1676

logo università Bocconi
logo università degli studi di Milano
con la collaborazione scientifica di

ISSN 2039-1676


Elena Mattevi


Professore a contratto di diritto penale nell‘Università  di Trento

E' nata a Trento, dove ha conseguito in data 19 luglio 2000 la laurea in giurisprudenza con il punteggio di 110/110 e lode, discutendo una tesi in diritto penale sul tema "Profili critici del delitto di concussione e prospettive di riforma", e collabora con le cattedre penalistiche della Facoltà di Giurisprudenza dal 2001, tenendo vari seminari ed esercitazioni, coadiuvando all'organizzazione delle iniziative formative per la magistratura onoraria e partecipando a progetti di ricerca anche internazionali.


Già assegnataria di borse di studio dal 2001 al 2005, è stata assegnista di ricerca dal 2007 al 2011, presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche della stessa Università.

Conseguita l'abilitazione è iscritta dal 9 giugno 2003 all'Albo degli Avvocati, Ordine di Trento, dove esercita la professione forense e, dal 2010, svolge attività di mediatore in materia civile presso la CCIAA e l'Organismo di mediazione forense.

Iscritta alla Scuola di dottorato in Studi Giuridici Comparati ed Europei presso l'Università degli Studi di Trento (curriculum di Diritto e procedura penale e filosofia del diritto) dall'anno accademico 2009/2010, ha conseguito in data 12 marzo 2013 il titolo di dottore di ricerca discutendo una tesi sul tema "La giustizia riparativa ed il sistema del giudice di pace".

E' professore a contratto di diritto penale presso la Facoltà di Sociologia della stessa Università, dall'anno accademico 2009/2010.

Dal 2 dicembre 2013 è titolare di un assegno di ricerca annuale in Diritto penale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Trento.

Autrice di contributi in tema di giustizia minorile, sanzioni, immigrazione, speciale tenuità del fatto e definizioni alternative del procedimento, con particolare riferimento al sistema del giudice di pace, ha trascorso dei periodi di ricerca all'estero (in particolare in Francia ed in Germania, presso il Max-Planck-Institut für ausländisches und internationales Strafrecht, Freiburg in B.) e partecipato come relatrice a diversi convegni e seminari.