ISSN 2039-1676

logo università Bocconi
logo università degli studi di Milano
con la collaborazione scientifica di

ISSN 2039-1676


Stefano Ciampi


Avvocato.

 

Il 6 febbraio 2015, consegue l’Abilitazione Scientifica Nazionale alle funzioni di professore universitario di seconda fascia (professore associato) per il settore concorsuale 12/G2, Diritto processuale penale.

Giudice onorario di tribunale.

Per il triennio 2014-2016, giusta deliberazione del Consiglio Superiore della Magistratura e decreto del Ministro della Giustizia, è nominato giudice onorario del Tribunale di Sorveglianza di Trieste.

Professore a contratto di Diritto amministrativo e di Diritto processuale penale.

Negli aa.aa. 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 è assegnatario del corso di Diritto amministrativo (settore scientifico-disciplinare IUS/09) nel Corso di laurea interateneo Udine-Trieste in “Tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro”. Nell’a.a. 2011/2012, è assegnatario del corso di Diritto processuale penale (settore scientifico-disciplinare IUS/16) nel Corso di laurea interateneo Udine-Trieste in “Tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro”.

Componente unità P.R.I.N.

Da gennaio 2006 a dicembre 2007, è componente dell’unità triestina del Programma di Ricerca Scientifica di Rilevante Interesse Nazionale, cofinanziato dal M.I.U.R., dedicato al tema “Protezione dei dati personali e processo penale”. In questo quadro, tiene un Seminario presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università “La Sapienza” di Roma sul tema Principio di disponibilità e protezione dei dati personali nello «spazio di libertà, sicurezza e giustizia» dell’Unione europea. Da gennaio 2008 a dicembre 2009, è componente dell’unità triestina del Programma di Ricerca Scientifica di Rilevante Interesse Nazionale, cofinanziato dal M.i.u.r., dedicato a Innovazioni scientifiche e processo penale.

Assegnista di ricerca in Diritto processuale penale.

Dal 1° aprile 2007 al 31 marzo 2008, è titolare di assegno di ricerca presso l’Università degli Studi di Verona, per l’attuazione del programma Sospensione del processo penale con messa alla prova (settore scientifico-disciplinare IUS/16, Diritto processuale penale).

Dottore di ricerca in Scienze penalistiche.

Il 16 aprile 2007, in Trieste, sostiene con esito positivo l’esame finale per il conseguimento del titolo di Dottore di ricerca in Scienze penalistiche, discutendo una tesi dal titolo Gli istituti processuali di informazione alla persona sottoposta alle indagini preliminari (settore scientifico-disciplinare IUS/16, Diritto processuale penale).

Avvocato.

Concluso il periodo di pratica forense, supera al primo tentativo le prove scritte dell’esame per l’iscrizione all’Albo degli Avvocati (sessione 2004). Il 29 settembre 2005, supera positivamente anche le prove orali, con un colloquio vertente, fra le altre materie, su Diritto processuale penale, Diritto processuale civile, Diritto costituzionale e Diritto comunitario.

Cultore della materia in Studi giuridici.

Nell’aprile 2007, viene nominato Cultore della materia per il settore scientifico-disciplinare IUS/16 (Diritto processuale penale) dal Consiglio della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Verona.

Cultore della materia in Diritto processuale penale.

Nell’ottobre 2003, viene nominato Cultore della materia per il settore scientifico–disciplinare IUS/16 (Diritto processuale penale) dal Consiglio della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trieste.

Miglior laureato della Facoltà di Giurisprudenza.

Nell’ottobre 2003, viene insignito del Premio di Laurea in memoria del prof. Giambattista Impallomeni, come miglior laureato della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trieste negli aa.aa. 2001/2002 e 2002/2003.

Miglior laureato in materie processualistiche della Facoltà di Giurisprudenza.

Nell’ottobre 2003, viene insignito del Premio di Laurea in memoria dell’avv. Antonino Barbagallo, come miglior laureato in materie processualistiche della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trieste nell’a.a. 2002/2003.

Dottore in Giurisprudenza a pieni voti con lode.

Nell’ottobre 2002, con una dissertazione in materia processuale penale a proposito dei Profili sistematici della nuova “informazione sul diritto di difesa” (settore scientifico-disciplinare IUS/16, Diritto processuale penale), si laurea, presso l’Università degli Studi di Trieste, con il voto di 110 su 110 con lode ed esplicito riconoscimento all’elaborato della dignità di pubblicazione.

PUBBLICAZIONI

Monografie:

S. Ciampi, L’informazione dell’indagato nel procedimento penale, Milano, Giuffrè, 2010, p. XIV-712.

Saggi:

S. Ciampi, Il diritto di difesa e all’informazione, in Aa.Vv., Vittime di reato e sistema penale. La ricerca di nuovi equilibri, a cura di M. Bargis-H. Belluta, Torino, Giappichelli, 2017, p. 241-296.

S. Ciampi, L’accesso della difesa agli atti processuali, in Aa.Vv., Nuovi orizzonti del diritto alla difesa tecnica. Un itinerario tra questioni attuali e aperture del quadro normativo, a cura di D. Negri-P. Renon, Torino, Giappichelli, 2017, p. 35-86.

S. Ciampi, Sub art. 593 c.p.p. Commento esaustivo, con giurisprudenza e dottrina, in Aa.Vv., Codice di procedura penale commentato, a cura di A. Giarda-G. Spangher, Milano, Ipsoa, 2017, p. 3106-3157.

S. Ciampi, Sub art. 595 c.p.p. Commento esaustivo, con giurisprudenza e dottrina, in Aa.Vv., Codice di procedura penale commentato, a cura di A. Giarda-G. Spangher, Milano, Ipsoa, 2017, p. 3157-3177.

S. Ciampi, Sub art. 603 c.p.p. Commento esaustivo, con giurisprudenza e dottrina, in Aa.Vv., Codice di procedura penale commentato, a cura di A. Giarda-G. Spangher, Milano, Ipsoa, 2017, p. 3253-3320.

S. Ciampi, Alla ricerca di un procedimento camerale “giusto”: l’udienza pubblica tra esigenze di garanzia e obiettivi di funzionalità, in Diritto penale e processo. Gli Speciali. Speciale CEDU e ordinamento interno, a cura di M. Gialuz-A. Marandola, 2015, p. 1-12.

S. Ciampi, Diritto all’informazione nei procedimenti penali: il recepimento low profile della direttiva 2012/13/UE da parte del d.lgs. 1° luglio 2014 n. 101, in Diritto penale contemporaneo, 2014, p. 1-29.

S. Ciampi, Letter of Rights e Full Disclosure nella direttiva europea sul diritto all’informazione, in Diritto penale e processo, 2013, p. 15-27.

S. Ciampi, Principio di disponibilità e protezione dei dati personali nel “terzo pilastro” dell’Unione europea, in Aa.Vv., Cooperazione informativa e giustizia penale nell’Unione europea, a cura di F. Peroni-M. Gialuz, Trieste, EUT, 2009, p. 34-100.

S. Ciampi, Sospensione del processo penale con messa alla prova e paradigmi costituzionali: riflessioni de iure condito e spunti de iure condendo, in Rivista italiana di diritto e procedura penale, 2009, p. 1984-2026.

S. Ciampi, Permessi premio e semilibertà: dalle nuove condizioni di accesso significativi riverberi sui profili funzionali degli istituti, in Aa.Vv., Nuove norme su prescrizione del reato e recidiva. Analisi della legge 5 dicembre 2005, n. 251 (“ex Cirielli”), a cura di A. Scalfati, Padova, Cedam, 2006, p. 243-286.

S. Ciampi, Crisi della famiglia e processo penale, in Aa.Vv., Trattato della responsabilità civile e penale in famiglia, a cura di P. Cendon, vol. III, Padova, Cedam, 2004, p. 2349-2392.

S. Ciampi, Il contenuto della nuova “informazione sul diritto di difesa”, in L’indice penale, 2003, p. 685-711.

Voci enciclopediche:

S. Ciampi, Appello (Casi e legittimazione), in Digesto del Processo penale, diretto da A. Scalfati, Torino, Giappichelli, 2012, p. 1-23.

S. Ciampi, Appello (Procedimento di), in Digesto del Processo penale, diretto da A. Scalfati, Torino, Giappichelli, 2012, p. 1-24.

S. Ciampi, Rinnovazione dell’istruzione dibattimentale in appello, in Digesto del Processo penale, diretto da A. Scalfati, Torino, Giappichelli, 2012, p. 1-24.

Note a sentenza:

S. Ciampi, L’affidamento in prova, la recidiva e le tessere mancanti nel mosaico delle Sezioni Unite – Probation, Recidivism and the Missing Piece from Supreme Court’s Mosaic, in Processo penale e Giustizia, 2012, n. 4, p. 63-74.

S. Ciampi, Massime festività religiose ed impedimento a comparire in udienza ai sensi dell’art. 420-ter comma 1 c.p.p., in Cassazione penale, 2006, p. 2860-2867.

S. Ciampi, A proposito del nesso tra informazione sul diritto di difesa e avviso di conclusione delle indagini, in Cassazione penale, 2004, p. 3305-3315.

 

 

S. Ciampi, Davvero utilizzabile la testimonianza indiretta della polizia giudiziaria nel procedimento che applica una cautela personale?, in Cassazione penale, 2004, p. 560-573.

S. Ciampi, L’avviso di conclusione delle indagini nel rito penale davanti al giudice di pace: notazioni critiche su due recenti pronunce della Corte Costituzionale, in Giurisprudenza costituzionale, 2004, p. 3904-3914.

S. Ciampi, Presupposti e limiti cronologici della nuova «informazione sul diritto di difesa», in Cassazione penale, 2003, p. 1601-1614.

Codici annotati e commenti a prima lettura:

S. Ciampi, Monitoraggio sullo stato di attuazione della risoluzione «in ordine a soluzioni organizzative e diffusione di buone prassi in materia di magistratura di sorveglianza»: il C.S.M, fa il punto della situazione, in Diritto penale contemporaneo, 2014, p. 1-10.

S. Ciampi, La direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sul diritto all’informazione nei procedimenti penali, in Diritto penale contemporaneo, 2012, p. 1-11.

S. Ciampi, Sub articoli da 54 a 58 ord. penit., in Aa.Vv., Codice dell’esecuzione penitenziaria. Annotato con la giurisprudenza, a cura di F. Peroni-A. Scalfati, Milano, Giuffrè, 2006, p. 364-402.

S. Ciampi, Sub articolo 69-bis ord. penit., in Aa.Vv., Codice dell’esecuzione penitenziaria. Annotato con la giurisprudenza, a cura di F. Peroni-A. Scalfati, Milano, Giuffrè, 2006, p. 426-435.