ISSN 2039-1676


ISSN 2039-1676


Donato Vozza


Borsista post-dottorato in diritto penale alla Seconda Università  degli Studi di Napoli

Nato a Caserta il 30 novembre 1982, ha conseguito sia la laurea triennale in scienze giuridiche sia la laurea specialistica in giurisprudenza presso la Facoltà di Giurisprudenza della Seconda Università degli Studi di Napoli con pieni voti assoluti, la lode accademica e il plauso della Commissione. Riceve, in seguito, il Premio Rutelli per la miglior tesi di laurea specialistica nel campo giuridico.

Presso il medesimo Ateneo ha altresì conseguito il diploma di specializzazione per le professioni legali con pieni voti assoluti, la lode e il plauso della Commissione. Nel corso della specializzazione ha svolto l'affiancamento giudiziario nel campo fallimentare (Tribunale di Napoli) e le funzioni di pubblico ministero delegato ex art. 72 ord. giud. (Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere).

Nel 2009, classificandosi al primo posto, vince il concorso per l'accesso al corso di dottorato di ricerca in "Internazionalizzazione della politica criminale e sistemi penali" (coordinatore: Prof. Stefano Manacorda) presso la Seconda Università degli Studi di Napoli. Nel gennaio 2013 ha conseguito, con votazione "eccellente", il titolo di dottore di ricerca, discutendo una tesi dottorale dal titolo Il principio del ne bis in idem in materia penale. Profili sostanziali e processuali in prospettiva interna, europea ed internazionale.

Nel maggio 2013 è risultato vincitore della procedura di valutazione comparativa per una borsa di studio, nel settore IUS/17, finalizzata allo svolgimento di attività di ricerca presso il Dipartimento di Giurisprudenza della Seconda Università degli Studi di Napoli su un progetto dal titolo Compliance programs pubblici e strategie politico-criminali di contrasto alla corruzione, a cui ha poi rinunciato per incompatibilità.

Da settembre 2013 è borsista post-dottorato in diritto penale nel Dipartimento di Giurisprudenza della Seconda Università degli Studi di Napoli, essendo risultato vincitore della procedura concorsuale per lo svolgimento di attività di ricerca su Potenzialità e limiti della tutela penale in campo biotecnologico: problemi teorici ed esperienze applicative.

Collabora stabilmente, dal 2009, con la cattedra di diritto penale del Professore Stefano Manacorda presso la Seconda Università degli Studi di Napoli e, a partire dall'anno successivo, è diventato altresì cultore di Istituzioni di diritto e procedura penale, Diritto penale e Diritto penale internazionale. Ha svolto attività di tutorato didattico e lezioni seminariali integrative sia in diritto penale sia in procedura penale. È stato assegnatario di moduli didattici di diritto penale - parte generale presso la Scuola di Amministrazione e Commissariato dell'Esercito italiano (Maddaloni) e la Federpol.

Ha svolto dei periodi di ricerca all'estero, in qualità di visiting scholar, presso il College for Criminal Law Science of Beijing Normal University (Cina, 2011) e il Max-Planck-Institut für ausländisches und internationales Strafrecht (Germania, 2012/2013). Nel corso del 2010 ha partecipato ad un viaggio di studio in Israele finanziato dalla Seconda Università degli Studi di Napoli.

Ha partecipato a progetti di ricerca sviluppati dalla Seconda Università degli Studi di Napoli (Osservatorio sulla giurisprudenza delle Corti europee in materia penale; La tutela dei principi penalistici nella Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea), dal Collegio di scienze penalistiche dell'Università Normale di Pechino (Studi sino-italiani in materia penale; La corruzione in prospettiva comparata) e dall'ISPAC - CNPDS (La tutela penale del patrimonio culturale mobile: esigenze di riforma).

Nel febbraio 2014 ha svolto una relazione ad un seminario dottorale su I criteri di ascrizione della responsabilità agli enti: lineamenti generali tenutosi presso la Seconda Università degli Studi di Napoli. Sempre di recente, è stato relatore al 35° Forum on Special Topics of Criminal Law organizzato dal Collegio di scienze penalistiche dell'Università Normale di Pechino, intervenendo sul tema del ne bis in idem in prospettiva europea, ed ha partecipato ai lavori dell'International Expert Group Meeting Management, use and disposal of frozen, seized and confiscated assets, organizzato dall'United Nations Office on Drugs and Crime (UNODC).

All'inizio del periodo universitario è stato assegnatario di un Premio di studio dell'Unione degli Industriali. È stato insignito del Premio Alfonso Martucci (2009), organizzato di concerto dal Centro Alberto Martucci, dal Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Santa Maria Capua Vetere e dalla Facoltà di Giurisprudenza della Seconda Università degli Studi di Napoli per la migliore dissertazione sul diritto alla difesa nel processo penale.

 

PUBBLICAZIONI

È autore di diverse pubblicazioni, anche in lingua straniera.