ISSN 2039-1676


ISSN 2039-1676


Riccardo De Ponti


Professore a contratto di Diritto penale dell'informatica

 
Nato nel 1979, ha lavorato dal 1999 al 2003 come amministratore di reti e di sistemi informatici presso il Centro di calcolo del Politecnico di Milano.
 
Nel 2004 si è laureato in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Milano-Bicocca, con una tesi in Diritto penale dell’informatica, dal titolo: “La legislazione federale in materia di reati informatici negli Stati Uniti d’America”.
 
Dal 2006 collabora, in qualità di cultore della materia, all’attività didattica delle Cattedre di Diritto penale (prof. D. Pulitanò e prof.ssa C. Pecorella) della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca.
 
Dal 2006 al 2010 è stato professore a contratto di Diritto penale dell’informatica presso la Facoltà di SS.MM.FF.NN. dell’Università degli Studi di Milano, nell’ambito del Corso di laurea in Sicurezza dei sistemi e delle reti informatiche.
 
Dal 2006 svolge attività di tutorato per l’insegnamento di Diritto penale dell’informatica (prof.ssa C. Pecorella) nell’ambito dell’edizione on-line del Corso di laurea in Sicurezza dei Sistemi e delle reti informatiche presso la Facoltà di SS.MM.FF.NN. dell’Università degli Studi di Milano.
 
Dal 2007 svolge per contratto il corso di Diritto penale dell’informatica (secondo modulo del corso di Diritto dell’informazione, della comunicazione e dell’informatica, svolto insieme al prof. G. Vigevani) nell’ambito del Corso di laurea specialistica in Teoria e tecnologia della comunicazione presso le Facoltà di Psicologia e di SS.MM.FF.NN. dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca.
 
Negli anni 2007-2009 ha partecipato al Progetto di ricercasu “Límites de la protección jurídica de la intimidad: especial consideración de las colisiones con otros derechos e intereses constitucionales y entre los diversos sectores jurídicos, en el contexto de la Sociedad de la Información y del Conocimiento”, coordinato dal prof. F. J. Boix Reig (Universidad de Valencia).
 
Nel 2008 ha conseguito l’abilitazione all’esercizio della professione forense.
 
Nell’anno 2009 ha svolto attività di tutorato nell’ambito dell’insegnamento di Diritto penale (prof. C. Ruga Riva) presso la Scuola di specializzazione per le professioni legali organizzata in collaborazione fra le Università degli Studi di Milano, di Milano-Bicocca e dell’Insubria.
 
Per l’a.a. 2010-2011 ha tenuto il corso di Diritto penale dell’informatica presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca.

PUBBLICAZIONI

 
Commento agli artt. 491-bis, 495-bis, 615-quinquies, 635-bis, 635-ter 635-quater, 635-quinquies, 640-quinquies, in E. Dolcini – G. Marinucci (a cura di), Codice penale commentato, III ed., Ipsoa, in corso di pubblicazione.
 Privacy y control del correo y de la navegaciòn por la Red en el puesto de trabajo, in J. Boix Reig, A. Jareño Leal (a cura di), La protecciòn jurìdica de la intimidad, Iustel, Madrid, 2010, 583 ss. (in collaborazione con C. Pecorella).
La prostituzione on-line: un concetto controverso, in Diritto dell'Internet, 2006, n.5, 481.
Permanenza abusiva in un sistema informatico e uso non autorizzato dell'elaboratore: una distinzione ancora incerta, in Diritto dell'Internet, 2005, n.6, 583.
 
 
 Interventi in Convegni di studio, corsi universitari o di formazione professionale
 
26 giugno 2008: relazione su I computer crimes – introduzione alla convenzione di Budapest e alla legge italiana di attuazione all’incontro di studio su “La criminalità informatica dopo la ratifica della Convenzione di Budapest” organizzato dall’Ufficio per la formazione decentrata dei magistrati del distretto di Milano.
16 maggio 2008: lezione su La tutela penale del software nell’ambito del Corso di Perfezionamento in Diritto delle nuove tecnologie, organizzato dall’Università degli Studi di Milano-Bicocca.
11 maggio 2007: relazione su I profili penali del commercio elettronico al Convegno su “Il commercio elettronico e le aste online: profili giuridici e prassi operative” presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca.