ISSN 2039-1676

logo università Bocconi
logo università degli studi di Milano
con la collaborazione scientifica di

ISSN 2039-1676


Eugenio Raúl Zaffaroni


Professore emerito di Diritto Penale

Eugenio Raúl Zaffaroni è professore emerito di diritto penale e di criminologia nell'Università di Buenos Aires e uno degli Autori più insigni della cultura penalistica latinoamericana.

Dal 2003 al 2014 è stato Ministro della Corte Suprema Argentina. Dal 2016 è membro della Corte interamericana dei diritti umani.

Ha ricevuto 31 lauree honoris causa da Università di 13 Paesi (Argentina, Bolivia, Brasile, Costa Rica, Ecuador, Italia, Messico, Paraguay, Perù, Repubblica Dominicana, Spagna, Uruguay, Venezuela), nonché, tra i tanti altri riconoscimenti, il Premio Stoccolma in Criminologia nel 2009, il titolo di Grande ufficiale dell’Ordine della Stella della solidarietà italiana sempre nel 2009, la Gran croce dell’Ordine al merito della Repubblica federale tedesca nel 2007, il titolo di Gran maestro dell’Ordine internazionale di criminologia del Ministero della Giustizia francese nel 2006.

È il presidente e fondatore dell'Accademia americana di Diritto penale e criminologia. È vicepresidente dell’Associazione internazionale di Diritto penale, nonché membro della Commissione internazionale dei giuristi dell’ONU.

Autore di progetti di riforma del codice penale argentino (1991), dell’Ecuador (1969 e 1992) e del Costa Rica (1991), ha presieduto la commissione per la riforma generale del codice penale della Bolivia.

Oltre ad una vastissimo numero di articoli e saggi, ha pubblicato più di 25 opere monografiche, tra le quali si segnalano per maggiore importanza il Manual de derecho penal (edito in Argentina, Messico, Perù e Brasile), il Tratado de derecho penal in cinque volumi (edito in Argentina e Messico); i libri En busca de las penas perdidas (edito in spagnolo, portoghese e italiano) e Estructuras judiciales (edito in spagnolo e portoghese). La sua nuova opera Derecho penal parte general, pubblicata in diversi paesi dell'America Latina, ha sostituito la precedente edizione del Tratado ed è stata tradotta anche in portoghese.