ISSN 2039-1676

logo università degli studi di Milano


15 giugno 2017 |

Torna alle Sezioni Unite la questione della notifica al difensore ex art. 157 comma 8 bis c.p.p.: verso un regime "sostanziale" delle nullità?

Commento a Cass., Sez. IV, ord. 29 marzo 2017 (dep. 20 aprile 2017), n. 19184, Pres. Bianchi, Rel. Izzo, Ric. Tuppi

Il presente contributo è stato sottoposto in forma anonima, con esito favorevole, alla valutazione di un revisore esperto.

 

Per leggere il testo dell'ordinanza in commento, clicca qui.

 

Abstract. La questione devoluta alle Sezioni Unite (se l’eccezione di nullità della notifica eseguita presso il difensore ai sensi dell’art. 157 comma 8 bis c.p.p. vada accompagnata dall’allegazione di circostanze impeditive della effettiva conoscenza e se, in mancanza, la nullità debba ritenersi sanata), offre l’occasione per ripercorre l’evoluzione giurisprudenziale in tema di notificazioni all’imputato, alla luce delle istanze antiformalistiche che animano l’universo delle invalidità penali, e per riflettere sugli scenari che l’attesa decisione potrebbe schiudere.

 

SOMMARIO: 1. Introduzione. – 2. I termini del contrasto. – 3. Un ulteriore (problematico) tassello nel percorso giurisprudenziale in tema di notificazioni all’imputato tra istanze antiformalistiche e vocazione eticizzante. – 4. Alcune considerazioni in attesa della pronuncia delle Sezioni Unite.