ISSN 2039-1676

logo università degli studi di Milano


13 febbraio 2017 |

La Corte muove e, in tre mosse, dà scacco a “Taricco”

Note minime all’ordinanza della Corte Costituzionale n. 24 del 2017

Il presente contributo è stato sottoposto in forma anonima, con esito favorevole, alla valutazione di un revisore esperto.

Il contributo costituisce il testo della relazione destinata al convegno sulla sentenza Taricco che avrà luogo il prossimo 24 febbraio 2017, presso l'Università degli Studi di Ferrara; il convegno è organizzato dal Prof. Alessandro Bernardi, che ringraziamo per aver concesso la pubblicazione anticipata del presente lavoro nella nostra Rivista.

 

Per leggere il testo dell'ordinanza in commento, clicca qui.

 

SOMMARIO: 1. Galateo istituzionale e “orgoglio costituzionale”. – 1.1. La vicenda Taricco. – 1.2. Le risposte dei giudici italiani. – 2. Una premessa in chiave di rapporti tra Corte costituzionale e giudici comuni. – 3. Le tre mosse della Corte. – 3.1. Primazia del diritto UE e supremazia costituzionale. – 3.2. La legalità penale come “controlimite”. – 3.3. Il giudice costituzionale custode dei “controlimiti”. – 3.4. Il problema irrisolto degli “effetti diretti” dell’art. 325 TFUE. – 4. I quesiti pregiudiziali. – 5. Scenari prossimi e futuri, sul fronte europeo e sul fronte domestico.