ISSN 2039-1676

logo università degli studi di Milano


24 dicembre 2015 |

Responsabilità  dell'ente per reati ambientali e principio di legalità 

Nota a Cass. pen., sez. III, 30 settembre 2015 (c.c. 14 aprile 2015) n. 39373

Il contributo è ora pubblicato nel n. 2/2015 della nostra Rivista trimestrale. Clicca qui per accedervi.

 

Per accedere alla sentenza qui annotata, clicca qui.

 

Abstract. La sentenza annotata si inscrive nel novero delle pronunce della Suprema Corte volte a riaffermare la piena vigenza, anche nel sistema della responsabilità ex crimine, del principio di legalità nelle sue diverse articolazioni. In particolare, la vicenda concreta è stata occasione per ribadire l'operatività del principio di irretroattività della norma sfavorevole all'ente in quanto estensiva della relativa responsabilità ai reati ambientali selezionati dal d.lgs. 121/2011, in fase di prima attuazione della direttiva 99/2008/CE sulla tutela penale dell'ambiente.

 

SOMMARIO: 1. Premessa. - 2. Il caso. - 3. Il principio di legalità nel d.lgs. 231/2001 tra forzature e (scontate?) riaffermazioni. - 3.1. Il solco tracciato dalla Corte di Cassazione nella vicenda ILVA. - 4. L'individuazione del momento consumativo dei reati ambientali contestati.