ISSN 2039-1676

logo università degli studi di Milano


9 dicembre 2014 |

Solidarietà , legalità  e diritti umani: dalla Statale di Milano laurea honoris causa ai ‘preti di strada' (don Luigi Ciotti, don Virginio Colmegna e don Gino Rigoldi)

Cerimonia di inaugurazione dell’a.a. 2014/2015

Segnaliamo ai lettori che giovedì 4 dicembre si è svolta presso l'Università Statale di Milano la cerimonia di inaugurazione dell'Anno Accademico 2014-2015, che ha avuto il suo momento centrale nella consegna delle lauree magistrali honoris causa in "Comunicazione pubblica e di impresa" a don Luigi Ciotti (fondatore del gruppo Abele e di Libera, associazione contro le mafie), don Virginio Colmegna (Presidente della Fondazione Casa della Carità e già direttore della Caritas ambrosiana) e don Gino Rigoldi (dal 1972 cappellano del carcere minorile Beccaria di Milano)

"Don Ciotti, don Colmegna e don Rigoldi - si legge nella delibera con cui il Senato accademico dell'Ateneo milanese ha approvato le lauree ad honorem - hanno usato l'azione coraggiosa e il potere della parola per costruire una realtà sociale più avanzata e più giusta: per educare, per difendere, per costruire cultura e senso comune senza avere a disposizione i mezzi della comunicazione di massa. E anche per fare vincere sfide difficili alle imprese che hanno creato o contribuito a creare: da quelle sorte sui beni confiscati alle organizzazioni mafiose, fino alle cooperative di servizio che hanno dato lavoro a giovani svantaggiati o emarginati".

I tre 'preti di strada', nell'occasione, hanno svolto altrettante splendide 'lectio magistralis', di elevatissimo valore civile, che ci piace segnalare ai nostri lettori indicando il link al sito dell'Università Statale nel quale sono disponibili integralmente, in formato video (clicca qui). Allo stesso link sono altresì disponibili la relazione del Magnifico Rettore Gian Luca Vago, la prolusione del prof. Valerio Onida, Presidente Emerito della Corte costituzionale, su "La funzione civile dell'Università", la laudatio del Prof. Nando Dalla Chiesa, e, infine, il saluto conclusivo del Presidente del Senato, Pietro Grasso (tra le autorità intervenute segnaliamo anche il Sindaco di Milano, Avv. Giuliano Pisapia, e la Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, On.le Rosy Bindi).

Facciamo così nostra l'idea di fondo che ha animato la scelta della Statale, e del Rettore Gianluca Vago in particolare: l'Università - della quale la nostra Rivista è un prodotto, e dalla quale viene quotidianamente aggiornata - non è solo un luogo di formazione, informazione e ricerca, ma è anche un luogo nel quale si esercitano azioni dirette a contribuire alla formazione della coscienza civile e alla promozione del progresso sociale e morale del Paese; anche, e proprio, all'insegna di parole d'ordine come solidarietà, legalità, giustizia e rispetto dei diritti fondamentali di tutti gli uomini, a partire dagli ultimi degli ultimi: come i disadattati (poveri, immigrati, tossicodipendenti e giovani detenuti) al servizio dei quali si sono messi da anni i tre 'preti di strada' laureati dalla Statale.