ISSN 2039-1676

logo università degli studi di Milano


9 maggio 2014 |

Disfunzione applicativa dell'art. 2635 c.c. tra vecchia e nuova formulazione della "corruzione tra privati"

Nota a Trib. Udine, 6 giugno 2013 (dep. 12 settembre 2013), Pres. Missera, Est. Carlisi

Il presente contributo è ora pubblicato nel n. 3-4/2014 della nostra Rivista trimestrale. Clicca qui per accedervi.

 

Per leggere la sentenza oggetto della nota, clicca qui.

Per scaricare la nota di L. Zoli, di cui di seguito trascriviamo il sommario, clicca su download documento.

SOMMARIO: 1. Premessa. - 2. Il fatto. - 3. Rapporti tra le due ipotesi di infedeltà e classificazione del caso di specie. - 4. Il necessario «nocumento» causato dalla relazione corruttiva ed i profili offensivi rilevanti. - 5. Principali ragioni della disfunzione applicativa della fattispecie. - 6. Riflessioni conclusive.