ISSN 2039-1676

logo università degli studi di Milano


Daniela Rocchi


Avvocato

È nata a San Benedetto del Tronto (AP) il 19 ottobre 1974.

Avvocato iscritto presso l'ordine degli Avvocati di Roma, dal 2 dicembre 2004

Dottore di Ricerca in Diritto e Procedura Penale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza" (titolo conseguito il 19 settembre 2007).

Specializzazione in Professioni Legali presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza" (titolo conseguito il 14 ottobre 2003 con il massimo dei voti).

Laurea in Giurisprudenza presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza" (titolo conseguito il 15 febbraio 2001 con il massimo dei voti).

Partner, RPc Penalisti consulting Rocchi-Parmiggiani (dal 2011)

Attività di assistenza e consulenza giudiziale e stragiudiziale in materia penale, in particolare penale commerciale, penale societario, penale tributario, penale fiscale e adempimenti di cui al D.Lgs. n. 231/01 (responsabilità amministrativa degli enti), al D.Lgs. 231/07 (antiriciclaggio), al D.Lgs. 81/08 e successive modifiche (sicurezza sul lavoro), normativa sulla privacy.

 

Attualmente ricopre l'incarico di:

- Presidente dell'Organismo di Vigilanza ex D.Lgs. 231/01 di Cassa Depositi e Prestiti Investimenti Sgr

- Componente Unico dell'Organismo di Vigilanza ex D.Lgs. 231/01 di OCF (Organismo di vigilanza e tenuta dell'Albo dei Consulenti Finanziari)

 

Avvocato, Studio legale Bongiorno (dal 2006 al 2011)

Attività professionale di patrocinio in processi a forte impatto mediatico.

Attività di assistenza e consulenza giudiziale e stragiudiziale in materia di diritto penale commerciale, penale societario, penale tributario, penale fiscale nonché di responsabilità amministrativa degli enti.

Prende parte ad organismi di vigilanza di società di grandi dimensioni e fornisce consulenza ad imprese commerciali e a società bancarie relativamente agli adempimenti di cui al D.Lgs. n. 231/01.

Consulente, Presidenza Commissione Giustizia Camera dei Deputati (2008-2009).

Attività di consulenza per l'analisi, la formazione e la redazione di atti legislativi.

Avvocato, Studio legale Filiani, Monaco, Rossodivita (2004-2006).

Attività professionale di patrocinio in procedimenti penali relativi all'intera materia del diritto penale e, in particolare, del diritto penale societario.

In tale ambito si occupa della predisposizione di modelli di organizzazione e della formazione ai sensi del D.Lgs. 231/01 per importanti società del settore editoriale.

Dal 2015 è docente a contratto per la laurea tutoring presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università La Sapienza di Roma, cattedra di Diritto Processuale Penale.

Dal 2015 ricopre l'incarico di tutor presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali dell'Università di Roma La Sapienza, per i corsi di Diritto Processuale Penale.

Dal 2004 al 2007 ricopre l'incarico di tutor presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali dell'Università La Sapienza, per i corsi di Diritto Processuale Penale.

Dal 2004 è cultore della materia Diritto Processuale Penale nella Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Roma La Sapienza.

Dal 2006 al 2007 fa parte del Comitato di Redazione della Rivista giuridica Giurisprudenza Italiana, editore UTET.

Dal 2001 collabora con le cattedre di Diritto Processuale Penale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Roma La Sapienza.

PUBBLICAZIONI

D. Rocchi, Schemi di Diritto Processuale Penale, Nel Diritto, Roma, 2015;

D. Rocchi, in Rocchi, Parmiggiani, Cori, 30 Pareri Penale, Nel Diritto, Roma, 2014;

D. Rocchi, La trasformazione della presunzione di adeguatezza in tema di custodia cautelare per omicidio volontario, in www.archiviopenale.it (Archivio penale, 2014, n. 3).

D. Rocchi, osservazioni a prima lettura, Corte di Cassazione, Sez. III, 25 marzo 2014, PM in proc. Masi, in materia di reati tributari, confisca per equivalente e responsabilità amministrativa da reato degli enti (D.Lgs. 231/01), in www.archiviopenale.it (Archivio penale, 2014, n. 2);

D. Rocchi, osservazioni a prima lettura, Corte di Cassazione, Sez. V, 21 febbraio 2014, Gullo, in materia di intercettazione telefoniche, in www.archiviopenale.it (Archivio penale, 2014, n. 1);

D. Rocchi, in Rocchi, Parmiggiani, Cori, 30 Pareri Penale, Nel Diritto, Roma, 2013;

D. Rocchi, nota a sentenza della Corte di Cassazione, Sez. I, 27 settembre 2007, n. 39916, sulla riabilitazione da misure di prevenzione, in Giur. it., 2008, 3;

D. Rocchi, Sull'integrazione dei decreti autorizzativi di intercettazioni mediante impianti extra moenia, in Giur. it., 2007, 1;

D. Rocchi, nota a sentenza della Corte di cassazione, Sez. IV, 29 marzo 2006, n. 17017, in materia di indagini preliminari, in Giur. it., 2007, 7;

D. Rocchi, La modifica dell'imputazione nell'udienza preliminare e la contumacia dell'imputato, in Giur. cost., 2006, n. 6, p. 4023;

D. Rocchi, Sulla confiscabilità per equivalente del profitto dei reati previsti dall'art. 640 quater c.p., in Giur. it., 2006, 12;

D. Rocchi, nota a sentenza della Corte di cassazione, Sez. VI, 30 settembre 2005, n. 39953, sull'autonomia del giudizio di prevenzione rispetto a quello di cognizione, in Giur. it., 2006, 7;

D. Rocchi, Il giudizio abbreviato c.d. incondizionato e la patologia che affligge il provvedimento negatorio del giudice, in Riv. it. dir. e proc. pen., 1-2, 2003, 566;

D. Rocchi, Sui gravi indizi di colpevolezza e sulla chiamata di correo in materia cautelare, in Cass. pen., 11, 2003, p. 3485;

D. Rocchi, "Sul principio della correlazione tra accusa e sentenza nel prevalente orientamento della Corte di cassazione", in Giur. it., 2002, 1, 141.