ISSN 2039-1676

logo università degli studi di Milano


Adriano Martufi


Dottorando di ricerca in diritto penale nell'Università  di Ferrara

 

Nato nel 1984, consegue nel 2009 la laurea in giurisprudenza con pieni voti assoluti e lode presso l'Università degli Studi di Ferrara, discutendo una tesi dal titolo "Democrazia penale e integrazione europea. Il caso delle leggi comunitarie"; relatore il Prof. Alessandro Bernardi.

Per l'anno accademico 2009-2010 è ammesso, in qualità di auditeur libre, alla frequenza dei corsi del Master II en Droit pénal et politique criminelle en Europe presso l'Università di Parigi I Panthéon-Sorbonne.

Nel 2010 ottiene un assegno di ricerca trimestrale per lo svolgimento di un'indagine relativa al principio di legalità penale nella giurisprudenza della Corte giustizia UE e della Corte europea dei diritti dell'Uomo.

Nel corso del 2011 svolge uno stage presso la Rappresentanza Permanente dell'Italia all'Unione europea a Bruxelles, prendendo parte ai gruppi di lavoro del Consiglio nel settore della Cooperazione giudiziaria in materia penale.

Dal gennaio 2012 è dottorando di ricerca in diritto penale presso l'Università degli Studi di Ferrara.

Dal dicembre 2013 svolge attività di ricerca in qualità di Forschungsgast presso il Max-Planck-Institut für ausländisches und internationales Strafrecht di Friburgo.

Nel 2013 ha conseguito l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato presso la Corte d'appello di Venezia.

 

PUBBLICAZIONI

 

Articoli e contributi in volumi collettanei:

Commento all'art. 54 - Lotta contro le frodi nei confronti dell'Unione europea in Commentario della legge 24 dicembre 2012 n. 234, Norme generali sulla partecipazione dell'Italia alla formazione e all'attuazione della normativa e delle politiche dell'Unione europea a cura di L. Costato e L. S. Rossi, Napoli, 2014, in corso di pubblicazione;

Aggiornamento e commento agli artt. 135, 136, 196, 197 c.p. per il Codice penale (collana Le fonti del diritto) a cura di T. Padovani, Milano, 2014, in corso di pubblicazione;

Criteri per determinare la violazione più grave nel reato continuato: scelta la strada della conservazione, in Diritto penale e processo, 2013, p. 1203-1214;

Eccezioni alla retroattività favorevole e diritti fondamentali, in Diritto penale e processo, 2013, p.488-505;

Eterointegrazione penale e norme europee. Il caso della legislazione penale alimentare, in Rivista trimestrale di diritto penale dell'economia, 2012, p. 695-728;

Qualità intrinseche delle norme penali europee e controllo di legalità, in G. Grasso, L. Picotti, R. Sicurella (a cura di) - L'evoluzione del diritto penale nei settori d'interesse europeo alla luce del Trattato di Lisbona, Milano, 2011, p. 417-458.

 

Relazioni a convegni:

The Constitutionalisation of the principle of favourable retroactivity in European Criminal Law, nell'ambito del "Third ECLAN PhD Seminar - European Criminal Law Academic Network", Bayonne  (30-31 maggio 2013);

L'influenza del diritto europeo sulle fattispecie incriminatrici in materia di alimenti, nell'ambito del convegno "La sicurezza alimentare nella prospettiva europea. Precauzione, prevenzione, repressione", Modena (3-5 novembre 2011);

Qualità intrinseche della norma penale e loro controllo giurisdizionale nei sistemi italiano ed europeo, nell'ambito del convegno "L'evoluzione del diritto penale nei settori d'interesse europeo alla luce del trattato di Lisbona" (29-30 maggio 2010).

 

Traduzioni:

Mireille Delmas-Marty, Violenza e massacri: verso un diritto penale dell'inumano, relazione svolta al convegno "La dismisura del male: il diritto di fronte ai crimini di massa, in Rivista italiana di diritto e procedura penale, 2009, p. 753-766 (in collaborazione con Marco Venturoli);

Jacques Sémelin, Pensare i crimini di massa: un approccio socio-storico, relazione svolta al convegno "La dismisura del male: il diritto di fronte ai crimini di massa, in Rivista italiana di diritto e procedura penale, 2009, p. 767-773  (in collaborazione con Marco Venturoli).